Site icon

Borgogno Barolo, origini e prezzi

Borgogno Barolo

Borgogno Barolo, origini e prezzi

12 Recensioni analizzate.
1
Cassa da 3 o 6"Los Vascos" Cabernet Sauvignon 2020 Valle Colchagua, Chile 750ml (3)
2
Renato Ratti Barolo docg Marcenasco - 750 ml
3
Barolo DOCG -Giacomo Borgogno- Riserva 1982 75cl 13,5%
4
Vintage Bottle - Borgogno Barolo Riserva DOC 1958 0,70 lt. RUINED LABEL - COD. 3966
5
Vintage Bottle - F.lli Serio & Battista Borgogno Barolo DOCG Vigna Cannubi 1980 0,75 lt. - COD. 3970
6
Giacomo Borgogno & Figli Barolo DOCG Cannubi
7
Vintage Bottle - Borgogno Ludovico Barolo Riserva DOCG"La Pineta" 1998 0,75 lt. - COD. 2335
8
Barolo DOCG Borgogno 2017 0,75 ℓ
9
Borgogno - Barolo DOCG 2004 0,75 lt.
10
Barolo Cannubi DOCG Borgogno 2013 0,75 L
Borgogno Barolo: il re dei vini del Piemonte Se siete appassionati di vini, sicuramente avrete sentito parlare del Borgogno Barolo, uno dei vini più pregiati del Piemonte, ma anche dell’intero panorama vinicolo italiano. Il Barolo è un vino rosso DOCG che viene prodotto, come tutti sapete, in una zona ristretta del Piemonte, più precisamente nelle colline delle Langhe, tra le provincie di Cuneo e Asti. Questo territorio, caratterizzato da un clima continentale umido e da una morfologia collinare, rappresenta l’habitat ideale per la coltivazione delle uve Nebbiolo, la varietà autoctona da cui si ottiene il Barolo. Ma perché il Borgogno Barolo è considerato il re dei vini del Piemonte? In primo luogo, perché rappresenta l’espressione più alta del territorio di origine: il Borgogno infatti è prodotto solo con uve Nebbiolo coltivate in vigneti selezionati, che garantiscono una qualità superiore. In secondo luogo, perché viene vinificato con cura e attenzione, seguendo i metodi tradizionali della zona: la fermentazione avviene a temperatura controllata, la maturazione in botti di rovere di Slavonia, e il vino rimane invecchiato in bottiglia per almeno due anni prima di essere commercializzato. Il risultato è un vino di grande eleganza e complessità, dal colore rubino intenso, con sentori di frutta rossa matura, spezie, erbe aromatiche e note balsamiche. Al palato, il Borgogno Barolo si distingue per la sua struttura imponente, la sua tannicità decisa e il suo finale lungo e persistente. Ma non basta: il Borgogno Barolo è anche un vino che si presta magnificamente all’invecchiamento. Grazie alla sua struttura robusta e alla sua acidità equilibrata, questo vino può essere conservato per molti anni, migliorando sempre di più nel tempo e regalando emozioni sempre nuove ad ogni sorso. Insomma, il Borgogno Barolo è un vino da conoscere, apprezzare e gustare con attenzione. Un vino che racchiude in sé tutta la storia e la tradizione del territorio di origine, ma che al tempo stesso sa rinnovarsi e sorprendere di volta in volta. Se non l’avete ancora fatto, vi invitiamo quindi a scoprire il Borgogno Barolo, assaporando ogni dettaglio e ogni sfumatura di questo capolavoro enologico. Non ve ne pentirete!

Proposte alternative e altri vini

Se siete appassionati di vini rossi e cercate delle nuove etichette da assaggiare, vi suggerisco quattro vini che potrebbero interessarvi. 1. Brunello di Montalcino DOCG Il Brunello di Montalcino è un vino rosso prodotto in Toscana, nella zona collinare intorno al paese di Montalcino. Questo vino è ottenuto esclusivamente da uve Sangiovese, coltivate in vigneti selezionati e vinificate con cura. Il risultato è un vino di grande struttura, con sentori di frutta rossa matura, spezie e note terrose. Il Brunello di Montalcino è un vino che si presta molto bene all’invecchiamento e può essere conservato per molti anni, diventando sempre più complesso e elegante. 2. Barbaresco DOCG Il Barbaresco è un vino rosso prodotto nel Piemonte, più precisamente nella zona delle Langhe. Anche in questo caso, il vitigno principale è il Nebbiolo, e il vino si presenta con un colore rubino intenso e un bouquet complesso e speziato. Il Barbaresco è un vino di grande eleganza e struttura, con una tannicità decisa e un finale lungo e persistente. Anche in questo caso, il vino si presta bene all’invecchiamento e può essere conservato per molti anni. 3. Chianti Classico Riserva DOCG Il Chianti Classico è un vino rosso prodotto in Toscana, nella zona del Chianti. Anche in questo caso, il vitigno principale è il Sangiovese, ma il vino può essere assemblato anche con altre varietà a bacca rossa. La Riserva è la versione più pregiata del Chianti Classico, ottenuta da uve selezionate e invecchiata per almeno due anni. Il risultato è un vino elegante, dal colore rubino intenso e dal bouquet complesso, con sentori di frutta rossa matura, spezie e note vegetali. In bocca, il Chianti Classico Riserva si distingue per la sua struttura decisa e la sua acidità equilibrata. 4. Amarone della Valpolicella DOCG L’Amarone della Valpolicella è un vino rosso prodotto nella zona della Valpolicella, in Veneto. Questo vino viene ottenuto da uve autoctone della zona, come la Corvina, la Rondinella e la Molinara, che vengono lasciate appassire per alcune settimane prima della vinificazione. Il risultato è un vino di grande concentrazione, con un bouquet intenso e complesso, caratterizzato da sentori di frutta rossa matura, spezie e note di tabacco e liquirizia. In bocca, l’Amarone della Valpolicella si distingue per la sua struttura imponente e la sua tannicità decisa, con un finale lungo e persistente. Spero che queste quattro etichette vi siano state utili per scegliere il vostro prossimo vino rosso da assaggiare. Ricordate che il mondo del vino è vasto e variegato, e che ogni etichetta racchiude una storia e una tradizione tutte sue. Buon degustazione!

Borgogno Barolo: abbinamenti e consigli

Il Borgogno Barolo è un vino rosso di grande struttura e complessità, caratterizzato da sentori di frutta rossa matura, spezie, erbe aromatiche e note balsamiche. Questo vino si presta magnificamente ad essere abbinato con piatti di carne, preferibilmente di sapore intenso e strutturati. In particolare, il Borgogno Barolo si sposa perfettamente con la carne rossa, come il manzo, l’agnello e il cinghiale. Si può optare per preparazioni semplici, come un filetto di manzo alla griglia o un arrosto di vitello al forno, oppure per piatti più elaborati, come una spezzatino di cinghiale o una tagliata di manzo con rucola e Parmigiano Reggiano. Il Borgogno Barolo si presta anche ad essere abbinato con formaggi stagionati e di sapore intenso, come il Parmigiano Reggiano, il Pecorino, il Gorgonzola e il Taleggio. Si possono preparare dei piatti di pasta al sugo di carne, oppure optare per piatti a base di funghi, come un risotto ai porcini o una bistecca con funghi porcini freschi. In generale, il Borgogno Barolo è un vino che richiede piatti di sapore deciso e strutturati, in grado di esaltare le sue caratteristiche organolettiche. Si consiglia di servirlo ad una temperatura di 18-20°C, decantandolo prima di servirlo in modo da permettere al vino di esprimere al meglio i suoi aromi e sapori.
Exit mobile version